News

13 Dicembre 2012

Ricerca vitale nel GdR Scritto da Provolik

Ricerca vitale nel GdR

Nel momento in cui un giocatore si affaccia sul mondo del GdR non ha molto a cuore le tematiche del background del personaggio, ha invece in testa dei preconcetti forniti dalla letteratura o dalla televisione/cinema. Per questo motivo, al giorno d'oggi, se uno gioca un fantasy potrebbe aver in mente Legolas o Aragorn, se gioca a Vampiri qualcosa tipo Twilight, se gioca la fantascienza penserebbe subito a Star Wars o Star Trek.

In realtà questi archetipi facilitano un po' il compito per quanto riguarda la spiegazione dell'ambientazione:”E' come il signore degli anelli ma meno X e più Y e inoltre non ci sono gli Hobbit”. Tuttavia dopo qualche sessione ci si rende conto se il giocatore è spiazzato o meno, specie se gli si chiede di compilare la storia del suo personaggio (Ma c'è una mappa? Ci sono delle città?).

La storia del personaggio prima di iniziare le avventure è sempre un aspetto trascurato dai più, ma merita invece una certa considerazione, anche se chi è avvezzo alla sua composizione, di solito pecca di eccesso di zelo, costruendo un background non proprio adatto per un personaggio alle prime armi.

Capita di vedere lo spadaccino alle prime armi che ha già ammazzato un drago, l'elementalista della fiamma che ha dato fuoco a mezzo mondo e chi più ne ha più ne metta. Naturalmente non è detto che i background siano solo per personaggi alle prime armi, anzi, però bisogna sempre cercare di scriverli con attinenza. Un PG che si affaccia sul mondo delle avventure dovrebbe avere una storia che identifichi le sue motivazioni a farlo, piuttosto che scegliere invece una vita tranquilla dedita alla zappa e alla terra.

Però, tra tutto, sarebbe secondo me interessante lo sviluppo di una missione o ricerca vitale o comunque di una trama di fondo che accompagni sempre la volontà del personaggio. Non deve essere una fissazione, ma più una passione o un'interesse: la letteratura e la storia sono piene di personaggi che hanno una propria «life quest», dalla ricerca del sacro GRAAL alla scoperta dell'antimateria o del bosone di Higgs. Tutte queste ricerche personali mettono in moto grandi sforzi da parte di singoli o di molti.

Il personaggio potrebbe quindi avere, tra i suoi tratti caratteriali, questa ricerca personale, finalizzata a un oggetto o ad una conoscenza specifica. Questo dato sarebbe inoltre uno spunto interessante per le avventure che il Master prepara, che potrebbero appunto portare alla scoperta di nuove informazioni sulla ricerca che il personaggio sta facendo: passo dopo passo il PG potrebbe avvicinarsi di molto alla fine della sua quest.

Sebbene io ritenga che la life quest sia una buona idea, non la ritengo obbligatoria, soprattutto quando si parla di personaggi alle prime armi: all'inizio questa caratteristica potrebbe non essere così particolare, ma molto generica e poi, col passare delle ricerche e delle esperienze, raffinarsi sempre più, fino a diventare qualche cosa di molto specifico.

Faccio un semplice esempio.

La ricerca finale di un oggetto mitologico potrebbe infatti nascere da un interesse generale per le leggende: quando un gran numero di leggende convergono in uno stesso punto e si scorge la possibilità che quell'oggetto possa realmente essere esistito, scatta la ricerca.

I meccanismi potrebbero comunque essere più complessi, ma comunque le avventure potrebbero accompagnare l'interesse del personaggio dall'inizio alla fine.

Cosa avviene però quando la ricerca termina? Successo o no, il personaggio ha di fronte due scelte: ritornare alla sua ricerca generica, oppure passare ad altro. In generale potrebbe anche decidere di ritirarsi dalle avventure, considerando conclusa quella fase, oppure potrebbe buttarsi a capofitto nel raggiungimento di nuovi obbiettivi.

Il Master può comunque dare numerosi spunti ai giocatori che intendono evolvere i personaggi in questo senso, dando loro informazioni o introducendo avventure che possano portare nella direzione che essi stanno seguendo.

Se un guerriero sta cercando una determinata arma, il Master potrebbe costruire un'avventura che porti alla sua scoperta o ad informazioni che ne consentano il ritrovamento. La stessa cosa vale per la ricerca di magia, persone, creature o luoghi mitici: nascerebbero sicuramente avventure coinvolgenti e cariche di interesse, per tutti i giocatori.

Tag: GdR Mastering


Articoli correlati

7 Dicembre 2017
Soprannomi
Scritto da ProvoliK
27 Novembre 2017
Il Master e il GdR
Scritto da ProvoliK
19 Gennaio 2017
Maledetta spada!
Scritto da ProvoliK



Archivio