News

9 Dicembre 2012

Il Commodore 64 compie 30 anni Scritto da Provolik

Il Commodore 64 compie 30 anni

13 Dicembre 1983, poco prima di cena. Mio padre entra in casa facendo scivolare sul pavimento una scatola bianca con la grande C blu e con la scritta Commodore 64.

Fu la svolta.

A soli sei anni quell'evento decretò che quello che sono tutt'ora: un giocatore di ruolo! Cioè no! Un programmatore!

Allora il C64 aveva poco più di un anno ed era ben lanciato sul mercato, con tanto di pubblicità televisive: in casa tua arrivava una macchina che faceva sembrare vero quello che fino ad all'ora si vedeva solo nella fantascienza.

Ho deciso di scrivere questo piccolo post EXTRA di commemorazione per due motivi fondamentali. Il primo è che alcuni videogiochi anni 80 avevano degli elementi GdR e, se ci pensate, quelli di noi che successivamente avrebbero amato il gioco di ruolo, adoravano quei tipi di videogames. Il secondo è che ho visto degli articoli sul trentesimo anno di età del C64 che fanno veramente pena e che non rendono giustizia a questa macchina.

Il debutto del Commodore 64 avvenne nel 1982 e fu commercializzato lo stesso anno. In Italia arrivò nei negozi nel 83, sbaragliando la concorrenza. Il C64 era infatti venduto in diversi tipi di negozi e non solo dai rivenditori di computer, rendendolo quindi molto più accessibile.

Il processore era un MOS6510 da 1Mhz, una ROM da 20kb e una da RAM da 64kb: quest'ultima feature dava il nome alla macchina.

Siamo agli albori degli Home Computer, quindi la grafica e il sonoro non farebbero impazzire i ragazzi di oggi, ma per allora erano decisamente avanti rispetto ai concorrenti dell'epoca.

Di base il computer veniva fornito con mangianastri e molti di noi si fermarono a quello, ma in realtà il C64 disponeva di moltissime periferica, tra le quali i floppy e le stampanti. Tuttavia il mangianastri non aveva tempi di caricamento così BIBLICI come vedo scritto da alcuni fogliettanti, bisognava semplicemente aspettare qualche minuto.

Infatti, benché i più utilizzassero questo gioiello soltanto per giocare, sapendo utilizzare il suo linguaggio basic (per non parlare dell'assembly) si potevano creare programmi di tutti i tipi: io stesso costruii i miei primi codici su quella macchina, tra i quali ricordo un programma di rubrica telefonica, che salvava i dati su disco e stampava la lista di tutti i numeri di telefono in ordine alfabetico.

Il commodore 64 inoltre può vantare al suo attivo migliaia di giochi, anzi penso che in totale la cifra si aggiri proprio tra i 10 e i 15 mila. Fu commercializzato in tutto il mondo riscuotendo molto successo e vendendo 17 milioni di macchine (la più venduta di tutti i tempi?).

La vendita di questo modello cessò nel 1993, ma so per certo che ancora oggi, grazie agli emulatori,  molti utilizzano ancora i suoi giochi (e io sono uno di quelli). In quegli anni io fui dotato di Amiga 500.

Il merito del C64 fu quello dell'accessibilità: molti potevano permetterselo e se oggi trovate impossibile pensare alla vostra casa senza un computer, è anche merito del C64.

AGGIORNAMENTO DEL DOPO CENA

Super Mario Bros non fu mai pubblicato per Commodore 64. Al suo posto vide la luce The Great Giana Sisters. Tuttavia articoli di alcune testate giornalistiche, tra gli oltre 10 mila videogiochi disponibili ne citano due: PAC MAN e proprio SUPER MARIO BROS.



Articoli correlati

23 Febbraio 2017
Trappist-1 e il GdR
Scritto da ProvoliK
25 Luglio 2015
Amiga 30
Scritto da ProvoliK
28 Febbraio 2015
Leonard Nimoy
Scritto da ProvoliK



Archivio